Post in evidenza

Supreme Court of India Orders To Block Rape Videos

In a very welcome move, the Supreme Court of India is acting against the publication and dissemination of rape videos

martedì 12 maggio 2015

India, un'autista donna contro gli stupri

Saritha Vandaradath, 30 anni, la prima autista di bus donna di Nuova Delhi, è diventata il nuovo volto della lotta contro la piaga dello stupro in India. 


In India, la “cultura dello stupro” miete ogni anno innumerevoli vittime: stando ai dati ufficiali infatti, nel Paese vengono stuprate 92 donne al giorno, 4 delle quali solo nella capitale. 
Numeri che ovviamente si allargano a dismisura se si prendono in considerazione anche le violenze non denunciate; perché in India, essere stuprate è motivo di vergogna ed umiliazione, e molte donne rifiutano di denunciare l’accaduto per paura di ripercussioni nei loro confronti da parte della comunità. 

Lei si chiama Saritha Vankadarath, ha 30 anni ed è la prima conducente donna di autobus di Nuova Delhi. È il nuovo volto della lotta contro la mentalità misogina dell’India. 
Saritha ha ottenuto l’impiego proprio grazie ad una campagna dell’amministrazione cittadina orientata a combattere la violenza nei mezzi pubblici, oramai divenuta una triste abitudine in quello che è il Paese più popoloso dell’Asia meridionale (ed il secondo più popoloso al mondo dopo la Cina).
Gli occhi del mondo si sono aperti su questo triste fenomeno sociale nel 2012, dopo che Jyoti Singh, studentessa di 23 anni, era stata stuprata a morte da sei uomini all’interno di un autobus (tra i quali figurava anche lo stesso autista del mezzo). 
Dopo gli ultimi casi, tra i quali una bambina violentata dal conducente dell’autobus scolastico, ed una ragazza bruciata viva dopo aver tentato di resistere all’ennesimo stupro, ormai non si può più fingere di non vedere.
“Molte persone sono soddisfatte per la mia guida - racconta Saritha - e quando scendono dall’autobus mi fanno i complimenti […] Se gli uomini rispettano una donna autista, rispetteranno anche le altre passeggere”
Il lavoro di conducente di autobus in India, la patria del fenomeno dello stupro di gruppo, per una donna è un mestiere incredibilmente rischioso. Ma Saritha non ha paura: “Le donne hanno la forza e la capacità di fare qualsiasi cosa, devono solo essere coraggiose”.

INDIA’S RAPE CAPITAL GETS ITS FIRST FEMALE BUS DRIVER April 22 2015









Ti piace?

Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...