Post in evidenza

Raped by the System: the Wadakancherry Rape Case

The prime accused in the case is a corporation councillor belonging to the CPM that is ruling the state

giovedì 26 marzo 2015

Preside pedofilo confessa: ‘Ho stuprato gli alunni’

Sesso orale con gli alunni e abusi sessuali filmati e fotografati. Il preside di una scuola a Grenoble in Francia ha ammesso di aver stuprato diversi bambini della prima elementare.
L’uomo era già stato condannato nel 2008 a sei mesi di reclusione con la condizionale e all’obbligo di cure perché in possesso di immagini pedopornografiche. Il giudice però non aveva emesso alcun divieto per l’esercizio del suo lavoro con i bambini.

Il preside, quarantenne, posto in stato di fermo da lunedì, è indagato da oggi per “stupro aggravato, aggressioni sessuali e acquisizione e detenzione di immagini pedopornografiche”.

 L’uomo era arrivato nella piccola scuola di quartiere nel 2014 e i fatti risalgono agli ultimi tre mesi, a partire da dicembre. Il preside della scuola Mas de la Ras, a Villefontaine, nel dipartimento dell’Isère, ha raccontato di avere organizzato in classe, nascondendosi dietro un paravento, degli ‘atelier del gusto’ per “fare testare nuove esperienze” ai suoi alunni con lo scopo di abusare di loro “per soddisfare la sua perversione”. In particolare ha obbligato diversi scolari ad avere rapporti orali con lui.

L’uomo ha inoltre confessato alla polizia di essere in possesso di immagini pedopornografiche spiegando di avere una “dipendenza da diversi anni”. 

Secondo il procuratore della Repubblica di Vienne, il docente avrebbe inoltre fotografato e poi cancellato alcune aggressioni utilizzando delle videocamere posizionate in classe. Oggi, il preside è stato deferito al tribunale di Grenoble che lo ha incriminato nel pomeriggio. Durante il periodo del fermo, sono state presentate nove denunce, corrispondenti a nove studenti oggetto di violenze, tra cui sette bambine e due bambini.

Per far fronte alle polemiche la ministra dell’Educazione, Najat Vallaud-Belkacem e la collega alla Giustizia, Christiane Taubira, hanno annunciato l’apertura di un’inchiesta amministrativa congiunta “per fare luce su questo caso” e sulle “circostanze nelle quali l’autorità giudiziaria e l’Educazione nazionale hanno potuto avere informazioni relative a questa condanna”. 

Per poter insegnare infatti, i servizi dell’Educazione nazionale richiedono un estratto della fedina penale. Anche se, su questo documento, le condanne con la condizionale non sono indicate una volta espiata la pena. Nel 2011, quando il preside ha ripreso le sue funzioni in una scuola vicina, a La Tour-de-Pin, dopo un periodo di pausa di tre anni, è possibile che la sua condanna non sia stata menzionata. Questo tipo di condanna resta tuttavia inscritta su una particolare lista degli autori di reati sessuali. Ma le procedure di controllo non sono sistematiche.

Pedofilia, in Francia preside confessa: ‘Ho stuprato alunni’. Era già stato condannato  25 marzo 2015

French primary school principal admits pupil sex assaults March 25th 2015

Vicepreside pedofilo si impicca 11 FEBBRAIO 2015

L'ALTRA REALTA' Quello di cui i mass media non parlano EPIDEMIA PEDOPORNO MARCH 17, 2015

L'ALTRA REALTA' Quello di cui i media non parlano I PEDOFILI DI WESTMINSTER MARCH 17, 2015

Per abusi sessuali su minori il prete polacco don Wojciech Gil è stato condannato oggi a 7 anni di carcere e 155 mila zloty (38mila euro) di risarcimento materiale. 

La corte distrettuale di Wolomin, nell'ambito del processo svoltosi senza la presenza della stampa, ha accolto la proposta di Gil di essere condannato (cosiddetta condanna volontaria) e ha respinto la richiesta della procura di 15 anni di reclusione.

I reati di pedofilia riconosciuti a don Gil sono stati compiuti tra il 2000 e il 2001 in Polonia e tra il 2009 e il 2013 mentre lavorava in una parrocchia della Repubblica Domenicana.

Polonia: sacerdote condannato per pedofilia 


His case is related to that of former Holy See ambassador to the Caribbean nation, former Polish archbishop Jozef Wesolowski. The Vatican has defrocked Wesolowski and is weighing whether to indict him on allegations that he paid Dominican shoeshine boys to masturbate. A Polish investigation into his case is stalled by a lack of evidence.


Prison term for Polish ex-priest accused of abusing minors Mar 25, 2015.

Polish priest wanted over Dominican child sex-abuse 1 NOVEMBRE 2013

JOZEF WESOLOSKI, NUNZIO PEDOFILO, STUPRATORE DI BAMBINI 27 GIUGNO 2014


LA PREDA Silenzio in nome di Dio 22 MARZO 2015




Ti piace?

Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...