Post in evidenza

Raped by the System: the Wadakancherry Rape Case

The prime accused in the case is a corporation councillor belonging to the CPM that is ruling the state

venerdì 6 marzo 2015

BUNGA BUNGA FOREVER


"Ho due bambine piccole che è tanto che non vedo... una fa la giornalista in Rai..in Mediaset...allo sport, è una napoletana molto simpatica, molto dolce e un'altra bambina di 21 anni, una brasiliana..."





Centinaia di file contenenti registrazioni di conversazioni tra Silvio Berlusconi e Gianpaolo Tarantini sono stati trascritti e depositati dai periti nominati dal Tribunale di Bari, e ora sono agli atti del processo in corso contro l'ex imprenditore barese ed altri 6 imputati accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere per favoreggiamento della prostituzione relativo al traffico di escort verso le residenze dell'ex premier nel periodo tra l'estate del 2008 e il 2009. 


Da queste conversazioni emerge la frequentazione intensa tra i due con riferimento a feste e cene organizzate in quell'arco temporale.


Il 16 marzo prossimo saranno sentite in udienza alcune ragazze, tra cui Barbara Guerra.


"Io, io, anche io non avevo voglia, ho due bambine piccole che è tanto che non vedo... una fa la giornalista in Rai..in Mediaset...allo sport, è una napoletana molto simpatica, molto dolce e un'altra bambina di 21 anni, una brasiliana...". 


Così Silvio Berlusconi, la sera del 23 settembre del 2009, parlava al telefono con l'imprenditore Gianpaolo Tarantini. Nell'organizzare una 'cena elegante', l'ex premier fa il conto anche degli ospiti che saranno presenti e cita "Carlo Rossella presidente di Medusa e Fabrizio del Noce direttore di Rai uno...sono persone che possono far lavorare chi vogliono... quindi le ragazze hanno l'idea di essere di fronte a uomini che possono decidere".

"Non c'e' una velina nelle mie liste... I prototipi a cui (incomprensibile)... si chiamano Carfagna, si chiamano Gelmini, si chiamano Prestigiacomo, si chiamano Ravezzo, si chiamano Bergamini, tutte le mie parlamentari sono le migliori della Camera". 


Così diceva Silvio Berlusconi il 3 maggio del 2009 all'imprenditore Gianpaolo Tarantini commentando alcune notizie di stampa critiche nei suoi riguardi per le sue scelte nelle liste elettorali.


Intercettazioni Berlusconi, "Stasera ho due bambine, una giornalista e una brasiliana" 05 MAR 2015


È durato circa quattro ore il confronto tra Imane Fadil, la modella marocchina considerata una delle 'pentite' del 'bunga bunga', e il pm di Milano, nell'ambito dell'indagine Ruby ter con al centro il reato di corruzione in atti giudiziari. A quanto si è appreso, proprio dall'audizione di Fadil potrebbero arrivare nuovi sviluppi dell'inchiesta che vede indagate 21 ragazze ospiti ad Arcore oltre a Silvio Berlusconi e ai suoi legali Piero Longo e Nicolò Ghedini. 

Nel frattempo, è anche partita la rogatoria verso il Messico dalla quale i magistrati si attendono risposte sulle proprietà nel paese centroamericano riconducibili a Ruby e al suo ex compagno Luca Risso.

Era considerata una delle fedelissime delle serate di Arcore. Tanto che, sentita come testimone nel 2012 nel processo a Silvio Berlusconi, aveva raccontato, ridendo, che una volta a Villa San Martino si era anche lanciata in un'imitazione di Ilda Boccassini con tanto di finta toga e biancheria intima da burlesque. Ora, invece, Marysthell Polanco ha deciso di prendere carta e penna e di scrivere allo storico procuratore aggiunto milanese perché avrebbe qualcosa da riferire sul caso Ruby. Ha chiesto di essere sentita, lasciando così intendere che potrebbe incrinarsi il fronte delle ragazze che hanno sempre difeso il leader di Forza Italia e che, secondo l'accusa, sono state retribuite per questo.

È anche in questo nuovo e possibile scenario di 'pentitismo' che stanno indagando il procuratore aggiunto Pietro Forno e i pm Luca Gaglio e Tiziana Siciliano, titolari del filone 'Ruby ter' con al centro l'accusa di corruzione in atti giudiziari e nel quale sono indagate più di 40 persone, fra cui Berlusconi e la giovane marocchina. Dalla seconda deposizione nel giro di pochi giorni del tesoriere di fiducia dell'ex premier, Giuseppe Spinelli, sono arrivate altre conferme. Non solo sui versamenti costanti e in contanti alle 'olgettine', ma anche su bonifici mensili da 15mila euro per conto di Berlusconi all'ex igienista dentale ed ex consigliera regionale lombarda Nicole Minetti.

Un elemento, accertato dalle indagini, che confermerebbe il quadro di soldi 'a pioggia' per un totale di diversi milioni di euro che Berlusconi avrebbe dato in questi anni, a cavallo dei due processi ma anche fino a poche settimane fa, a tutte coloro che avrebbero preso parte ai festini a luci rosse. Minetti, condannata a tre anni per favoreggiamento delle prostituzione nel 'Ruby 2', in ogni caso, non rischia l'accusa di corruzione in atti giudiziari perché non è una testimone, come le altre ragazze, ma un'imputata. Al massimo potrebbe avere qualche guaio dal punto di vista fiscale. 



Dalle indagini è saltato fuori che l'ex presidente del consiglio avrebbe messo a disposizione una decina di immobili ad altrettante ragazze per ricompensarle del loro silenzio nei processi. E alcune di loro, come Roberta Bonasia e Barbara Faggioli, abitano nella Torre Velasca, storico grattacielo a due passi dal Duomo di Milano. Barbara Guerra e Alessandra Sorcinelli, invece, in ville di lusso a Bernareggio (Monza). Case in regalo anche per Iris BerardiAris Espinosa, Ioana Visan e Silvia Trevaini. E mentre fra le spese di Ruby, non giustificabili con i suoi guadagni (non ha un lavoro), si segnalano anche i 1.500 euro al mese per la babysitter della figlia, la Procura è pronta a eseguire, nei prossimi giorni, una rogatoria in Messico per andare a caccia di elementi utili su alcune proprietà a lei riconducibili e che si trovano a Playa del Carmen: un ristorante, un pastificio e un paio di palazzine con appartamenti da affittare.



































Ti piace?

Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...