Post in evidenza

Supreme Court of India Orders To Block Rape Videos

In a very welcome move, the Supreme Court of India is acting against the publication and dissemination of rape videos

lunedì 15 dicembre 2014

Porno Belen: maxi poster con la farfallina

Ci risiamo. Di nuovo Belen e la farfallina. La showgirl è ormai una madre di famiglia, ma continua a fare la soft-pornostar. Le sue mutandine su e giù continuano a far discutere.



A novembre 2012 i suoi maxi poster pubblicitari per una marca di biancheria intima, all’incrocio fra corso Buenos Aires e via Redi, avevano causato le proteste dei residenti del Comitato Cittadino Venezia Buenos Aires. E adesso lo stesso marchio è tornato a colpire, stavolta sui ponteggi all’angolo con via Lazzaro Palazzi, con nuovi manifesti estremamente simili ai precedenti: stessa posa, soltanto con foto a colori anziché in bianco e nero (e cambia il modello della biancheria, da nero a bianco con pizzo nero). 


Già all’epoca Paolo Ippolito Uguccioni, portavoce del comitato di quartiere, facendosi portavoce anche di altri residenti, aveva presentato una denuncia, chiedendone la rimozione, alla centrale della polizia locale di Zona 3. E adesso la storia si ripete.

«Alcune cittadine e cittadini del nostro quartiere Venezia Buenos Aires - scrive Paolo Ippolito Uguccioni - ci hanno segnalato, con apprensione, la presenza di due enormi cartelloni pubblicitari, collocati su una palazzina di corso Buenos Aires angolo via Lazzaro Palazzi, che rappresentano, a loro giudizio, un serio pericolo per la circolazione veicolare proveniente dal centro verso piazzale Loreto, in quanto raffiguranti una ragazza molto provocante e discinta che compie il gesto di volersi calare le mutandine, catturano l’attenzione dei guidatori con conseguente grave pericolo di tamponamenti, scontri con motociclisti o peggio di investire i passanti che abitualmente, contravvenendo alle norme in materia, attraversano il corso in quel tratto, pur essendo lontani dagli appositi semafori». 

«Ci chiediamo - prosegue la missiva - se qualcuno nel nostro Comune di Milano, prima di rilasciare le necessarie autorizzazioni, compia un’opera preventiva di verifica sui contenuti delle pubblicità, per evitare situazioni di pericolo per i cittadini, come in questa circostanza che vi segnaliamo. Chiediamo inoltre a questo spettabile Comando della polizia locale del nostro quartiere, di effettuare i rilievi del caso e di prendere tutti gli opportuni provvedimenti, come la rimozione della segnalata pubblicità, atti a scongiurare le potenziali gravi conseguenze e pregiudizi ai passanti ed alla circolazione di Corso Buenos Aires», conclude Uguccioni.

I vigili di zona hanno verificato e dato ragione ai cittadini indignati (e preoccupati). «Ho avuto conferma dal responsabile dei vigili di zona Damiano Zampinetti», riferisce soddisfatto Uguccioni. I vigili hanno informato gli uffici Pubblicità del Comune in relazione a una possibile violazione dell’articolo 23 del Codice della Strada che fa riferimento a cartelli che «possono ingenerare confusione con la segnaletica stradale, ovvero possono renderne difficile la comprensione o ridurne la visibilità o l’efficacia, ovvero arrecare disturbo visivo agli utenti della strada o distrarne l’attenzione con conseguente pericolo per la sicurezza della circolazione». 

I funzionari dell’Ufficio pubblicità hanno contattato la società che ha affisso i maxi cartelloni con l’immagine di Belen e questa ha dato la propria disponibilità a sostituirli; cosa che dovrebbe avvenire lunedì. La farfallina sparirà, per lasciar posto alla réclame di un profumo. 

Belen, «pericolosi» i maxi poster con la farfallina: «Saranno tolti» 13 dicembre 2014 


Ti piace?

Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...