Post in evidenza

Supreme Court of India Orders To Block Rape Videos

In a very welcome move, the Supreme Court of India is acting against the publication and dissemination of rape videos

mercoledì 4 giugno 2014

Porno e violenza, i più cliccati dai bambini

Pornografia, immagini violente, droghe, armi, gioco d’azzardo, pagamenti e giochi online. Sono i principali contenuti a rischio su cui possono finire i baby-navigatori che sempre più numerosi si collegano a Internet dal computer di casa ma soprattutto da smartphone e tablet, spesso «rubati» ai genitori. In quasi tutti i paesi la pornografia è al primo posto di questi contenuti cliccati dai bambini; l’Italia, rispetto all’Europa, è al top per il gioco d’azzardo. 

Mamma e papà sono consapevoli che online è possibile imbattersi in questo tipo di siti da allarme rosso tanto che alcuni usano un filtro per il web. Ed è proprio monitorando il «parental control» che Kaspersky ha tracciato una lista dei siti con contenuto inappropriato che i bambini e gli adolescenti visitano di più. 

Secondo In quasi tutti i paesi la pornografia è al primo posto di questi contenuti cliccati dai bambini. Secondo il report della società di sicurezza, la percentuale più alta di visite a siti con contenuto erotico arriva dal Giappone (74,9%) e dalla Francia (68,9%). Al terzo posto invece ci sono il Messico con il 56,3%, l’Italia è al 44% preceduta da Gran Bretagna (48,8%) e Australia (51,85). I siti che invece contengono contenuti violenti sono i più visitati in Messico (8,6%); in Europa i paesi che prestano maggiore attenzione a questi contenuti sono in particolare Regno Unito e Spagna (entrambi 4,8%), l’Italia al 2%. 

Il nostro paese ha fatto registrare, tra quelli nella parte occidentale del continente europeo, la quota più elevata di siti potenzialmente pericolosi più frequentati dai baby-navigatori riguardo alle categorie `Gioco d’azzardo´ (15,7%), `Armi´ (13,7%) e `Sistemi di pagamento online´ (5,1%). «Vale la pena sottolineare che raggiungere questi siti in modo accidentale è praticamente impossibile infatti per consultarli è necessario cercarli in modo assolutamente intenzionale», spiega Kaspersky Lab nell’estratto del report. 

Nelle categorie monitorate ci sono anche i siti con contenuti legati alle droghe che vengono visitati con maggiore frequenza dai giovani internauti in Messico (1,8%) e negli Usa (1,4%). Il terzo posto va al Regno Unito (0,9%), Italia si attesta allo 0,4%. I software illegali invece sono particolarmente popolari in Cina e portano il paese al primo posto tra coloro che visitano questo genere di contenuti (69,4%, contro il 24% della Spagna e il 10,6% del Giappone). Ciò che li rende ulteriormente pericolosi è il fatto che questi siti che offrono software illegali e malware sono molto diffusi nel web. 

L’indagine di Kaspersky Lab, effettuata da gennaio a maggio 2014, ha poi tracciato un focus in particolare sulla vasta area degli Stati Uniti: se i valori in generale non si discostano di molto rispetto a quelli dell’Europa Occidentale (siti porno al 43,9%; droghe 1,4%) spicca l’indice relativo alle visite effettuate dai baby-utenti su siti riconducibili alla categoria `Violenza´, è al 7%, secondo solo a quello del Messico. E chissà se i giovani internauti americani sono suggestionati dai fatti di cronaca e dalle sparatorie che spesso vedono gli adolescenti protagonisti.  

Porno e violenza, i più cliccati dai bambini 04 06 2014


Ti piace?

Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...