Post in evidenza

"Broken and Betrayed" "Violated" The true story of the Rotherham Abuse Scandal

Broken and Betrayed is an account of the Rotherham abuse scandal by the key whistleblower, Jayne Senior  Sarah Wilson, who suf...

mercoledì 4 giugno 2014

Porno e violenza, i più cliccati dai bambini

Pornografia, immagini violente, droghe, armi, gioco d’azzardo, pagamenti e giochi online. Sono i principali contenuti a rischio su cui possono finire i baby-navigatori che sempre più numerosi si collegano a Internet dal computer di casa ma soprattutto da smartphone e tablet, spesso «rubati» ai genitori. In quasi tutti i paesi la pornografia è al primo posto di questi contenuti cliccati dai bambini; l’Italia, rispetto all’Europa, è al top per il gioco d’azzardo. 

Mamma e papà sono consapevoli che online è possibile imbattersi in questo tipo di siti da allarme rosso tanto che alcuni usano un filtro per il web. Ed è proprio monitorando il «parental control» che Kaspersky ha tracciato una lista dei siti con contenuto inappropriato che i bambini e gli adolescenti visitano di più. 

Secondo In quasi tutti i paesi la pornografia è al primo posto di questi contenuti cliccati dai bambini. Secondo il report della società di sicurezza, la percentuale più alta di visite a siti con contenuto erotico arriva dal Giappone (74,9%) e dalla Francia (68,9%). Al terzo posto invece ci sono il Messico con il 56,3%, l’Italia è al 44% preceduta da Gran Bretagna (48,8%) e Australia (51,85). I siti che invece contengono contenuti violenti sono i più visitati in Messico (8,6%); in Europa i paesi che prestano maggiore attenzione a questi contenuti sono in particolare Regno Unito e Spagna (entrambi 4,8%), l’Italia al 2%. 

Il nostro paese ha fatto registrare, tra quelli nella parte occidentale del continente europeo, la quota più elevata di siti potenzialmente pericolosi più frequentati dai baby-navigatori riguardo alle categorie `Gioco d’azzardo´ (15,7%), `Armi´ (13,7%) e `Sistemi di pagamento online´ (5,1%). «Vale la pena sottolineare che raggiungere questi siti in modo accidentale è praticamente impossibile infatti per consultarli è necessario cercarli in modo assolutamente intenzionale», spiega Kaspersky Lab nell’estratto del report. 

Nelle categorie monitorate ci sono anche i siti con contenuti legati alle droghe che vengono visitati con maggiore frequenza dai giovani internauti in Messico (1,8%) e negli Usa (1,4%). Il terzo posto va al Regno Unito (0,9%), Italia si attesta allo 0,4%. I software illegali invece sono particolarmente popolari in Cina e portano il paese al primo posto tra coloro che visitano questo genere di contenuti (69,4%, contro il 24% della Spagna e il 10,6% del Giappone). Ciò che li rende ulteriormente pericolosi è il fatto che questi siti che offrono software illegali e malware sono molto diffusi nel web. 

L’indagine di Kaspersky Lab, effettuata da gennaio a maggio 2014, ha poi tracciato un focus in particolare sulla vasta area degli Stati Uniti: se i valori in generale non si discostano di molto rispetto a quelli dell’Europa Occidentale (siti porno al 43,9%; droghe 1,4%) spicca l’indice relativo alle visite effettuate dai baby-utenti su siti riconducibili alla categoria `Violenza´, è al 7%, secondo solo a quello del Messico. E chissà se i giovani internauti americani sono suggestionati dai fatti di cronaca e dalle sparatorie che spesso vedono gli adolescenti protagonisti.  

Porno e violenza, i più cliccati dai bambini 04 06 2014


Ti piace?

Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...