Post in evidenza

Raped by the System: the Wadakancherry Rape Case

The prime accused in the case is a corporation councillor belonging to the CPM that is ruling the state

martedì 18 marzo 2014

Pedofilia dilaga sul web, 6. 389 siti scoperti da Meter nel 2013

 La pedofilia prolifera sul web secondo l'associazione Meter di don Fortunato Di Noto, che nel 2013 Meter ha monitorato 6.389 siti, 1.048 tra comunita' e social network, secondo quanto risulta dal rapporto annuale diffuso oggi. Dal 2003 al 2013 sono 107.781 i portali pedofili scoperti dai volontari di Meter, che l'anno scorso hanno fornito 735 consulenze telefoniche, mentre il Centro di ascolto e accoglienza si e' occupato direttamente di 36 casi. In calo i riferimenti italiani: siti e comunita' nel 2012 erano 36, ora sono 32. Lieve contrazione delle segnalazioni sui social network, passate da 1.274 nel 2012 a 1.048. La maggioranza dei domini sono allocati in Russia e sono generici per mantenere l'anonimato (82,15% mentre solo il 9,78% e' costituito da domini specifici). La presenza di comunita' pedofile sui social network e' calcolata nel 7,99%, ma questi siti restano tra le piattaforme d'elezione per la propaganda pedofila. Il confronto col 2012 mostra una diminuzione nel numero di siti segnalati: i 15.946 dell'anno precedente vengono sostituiti dai 6.389 dell'anno di riferimento evidenziando un calo del 22% circa. Il deep web e? la nuova frontiera: sono 56.357 i siti pedofili monitorati nel 2012. I domini piu' utilizzati sono .com (1.721, ossia il 55,23%), .lix.in (1.094, il 33,21%), .net (325), .org (70), .info (34), .onion (26), .biz (19), .tv (4). Il dominio .lix.it e' stato individuato all'interno di una specifica area geografica che tuttavia non ne permette l'identificazione immediata. Mentre sono in corso ulteriori ricerche, Meter non rivela quale. Nel 2013 secondo Meter si riscontra per la prima volta un ruolo predominante dell'Africa nell'alimentazione della rete pedopornografica virtuale, con il 45,75%, seguita da Europa (42,28%), Asia (14,89%), Oceania (3,76%) e America (3,32%). Nel 2013 Meter ha condotto un indagine pilota riguardo la diffusione del fenomeno del sexting, ossia l'invio di testi o immagini sessualmente esplicite. L'autoproduzione e l'autopromozione del materiale in rete da parte di minori spiega l'ampia diffusione del fenomeno a causa della sua incontrollabilita'. Sono gli stessi minori a creare deliberatamente materiale a sfondo sessuale e a metterlo in rete. I dati, per il fondatore e presidente di Meter, don Fortunato Di Noto, "rappresentano una realta' drammatica e in crescita con rilievi di denuncia che hanno reso visibile le torture sessuali sui bambini in tenerissima eta'. La pedofilia criminale si nasconde nel deep web -avverte il sacerdote- e conosce qualsiasi tipo di canale per produrre e smerciare materiale pedopornografico e la strisciante cultura pedofilia che normalizza i gravi abusi sui bambini". Don Di Noto rinnova quindi il suo appello perche' la pedofilia sia dichiarata crimine contro l'umanita'. 

Pedofilia dilaga sul web, 6. 389 siti scoperti da Meter nel 2013 18 03 2014


Ti piace?

Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...