venerdì 25 gennaio 2013

Sex Offenders usage of Social Media


MARSHALL COUNTY, AL (WAFF) -
A new ruling in Indiana means sex offenders can now use the same social networking sites children use.
A federal appeals court said it is unconstitutional to ban registered sex offenders from sites like Facebook and Twitter for life. The Civil Liberties Union of Indiana helped to argue the case that sex offenders are unjustly barred from using social media and doing legitimate business online.
Other laws are still in place to make sure inappropriate contact with children online is illegal, and sex offenders can still be banned from using social media site while on probation or parole.
Alabama has a similar law regarding sex offenders. Convicted sex offenders can have access to social media sites, but there are restrictions.
At least two people in Marshall County are currently facing charges relating to the social media law.
Sheriff Scott Walls said convicted sex offenders can have access to social media websites, but in order to do so, they must notify the reporting agency of which ones they are on and where they are located.
Walls said his department takes sex offender situations very seriously. While the law allows sex offenders access, it does not stop law enforcement from monitoring.
"Well, the purpose of notifying law enforcement when the sex offender reports is we can monitor that, see if there's any underage children in contact with the person, and we do look at those pages.  Now, we open those pages and we look at them," said Walls.
He believes Alabama's law will stand the test of the courts because it doesn't prevent a sex offender from accessing social media sites but rather allows for them to be monitored.
Copyright 2013 WAFF. All rights reserved.

Ala. monitors sex offenders' usage of social media Jan 24, 2013



Ti piace?

giovedì 24 gennaio 2013

A Rape a Minute, a Thousand Corpses a Year


Here in the United States, where there is a reported rape every 6.2 minutes, and one in five women will be raped in her lifetime, the rape and gruesome murder of a young woman on a bus in New Delhi on December 16th was treated as an exceptional incident. The story of the alleged rape of an unconscious teenager by members of the Steubenville High School football team was still unfolding, and gang rapes aren’t that unusual here either. Take your pick: some of the 20 men who gang-raped an 11-year-old in Cleveland, Texas, were sentenced in November, while the instigator of the gang rape of a 16-year-old in Richmond, California, was sentenced in October, and four men who gang-raped a 15-year-old near New Orleans were sentenced in April, though the six men who gang-raped a 14-year-old in Chicago last fall are still at large.  Not that I actually went out looking for incidents: they’re everywhere in the news, though no one adds them up and indicates that there might actually be a pattern.
There is, however, a pattern of violence against women that’s broad and deep and horrific and incessantly overlooked. Occasionally, a case involving a celebrity or lurid details in a particular case get a lot of attention in the media, but such cases are treated as anomalies, while the abundance of incidental news items about violence against women in this country, in other countries, on every continent including Antarctica, constitute a kind of background wallpaper for the news.
If you’d rather talk about bus rapes than gang rapes, there’s the rape of a developmentally disabled woman on a Los Angeles bus in November and the kidnapping of an autistic 16-year-old on the regional transit train system in Oakland, California—she was raped repeatedly by her abductor over two days this winter—and there was a gang rape of multiple women on a bus in Mexico City recently, too.  While I was writing this, I read that another female bus-rider was kidnapped in India and gang-raped all night by the bus driver and five of his friends who must have thought what happened in New Delhi was awesome.
We have an abundance of rape and violence against women in this country and on this Earth, though it’s almost never treated as a civil rights or human rights issue, or a crisis, or even a pattern. Violence doesn’t have a race, a class, a religion, or a nationality, but it does have a gender.
Here I want to say one thing: though virtually all the perpetrators of such crimes are men, that doesn’t mean all men are violent. Most are not. In addition, men obviously also suffer violence, largely at the hands of other men, and every violent death, every assault is terrible.  But the subject here is the pandemic of violence by men against women, both intimate violence and stranger violence.  
What We Don’t Talk About When We Don’t Talk About Gender
There’s so much of it. We could talk about the assault and rape of a 73-year-old in Manhattan’s Central Park last September, or the recent rape of a four-year-old and an 83-year-old in Louisiana, or the New York City policeman who was arrested in October for what appeared to be serious plans to kidnap, rape, cook, and eat a woman, any woman, because the hate wasn’t personal (though maybe it was for the San Diego man who actually killed and cooked his wife in November and the man from New Orleans who killed, dismembered, and cooked his girlfriend in 2005).
Those are all exceptional crimes, but we could also talk about quotidian assaults, because though a rape is reported only every 6.2 minutes in this country, the estimated total is perhaps five times as high. Which means that there may be very nearly a rape a minute in the U.S.  It all adds up to tens of millions of rape victims.

We could talk about high-school- and college-athlete rapes, or campus rapes, to which university authorities have been appallingly uninterested in responding in many cases, including that high school in Steubenville, Notre Dame UniversityAmherst College, and many others. We could talk about the escalating pandemic of rapesexual assault, and sexual harassment in the U.S. military, where Secretary of Defense Leon Panetta estimated that there were 19,000 sexual assaults on fellow soldiers in 2010 alone and that the great majority of assailants got away with it, though four-star general Jeffrey Sinclair was indicted in September for “a slew of sex crimes against women.”
We could talk about this as a global problem, looking at the epidemic of assaultharassment, and rape of women in Cairo’s Tahrir Square that has taken away the freedom they celebrated during the Arab Spring—and led some men there to form defense teams to help counter it—or the persecution of women in public and private in India from “Eve-teasing” to bride-burning, or “honor killings” in South Asia and the Middle East, or the way that South Africa has become a global rape capital, with an estimated 600,000 rapes last year, or how rape has been used as a tactic and “weapon” of war in Mali, Sudan, and the Congo, as it was in the former Yugoslavia, or the pervasiveness of rape and harassment in Mexico and the femicide in Juarez, or the denial of basic rights for women in Saudi Arabia and the myriad sexual assaults on immigrant domestic workers there, or the way that the Dominique Strauss-Kahn case in the United States revealed what impunity he and others had in France, and it’s only for lack of space I’m leaving out Britain and Canada and Italy (with its ex-prime minister known for his orgies with the underaged), Argentina and Australia and so many other countries.
 meant by “reproductive rights,” of course, is the right of women to control their own bodies. Didn’t I mention earlier that violence against women is a control issue?




One of the most exciting new political movements on Earth is the Native Canadian indigenous rights movement, with feminist and environmental overtones, called Idle No More. On December 27th, shortly after the movement took off, a Native woman was kidnapped, raped, beaten, and left for dead in Thunder Bay, Ontario, by men whose remarks framed the crime as retaliation against Idle No More. Afterward, she walked four hours through the bitter cold and survived to tell her tale. Her assailants, who have threatened to do it again, are still at large.


The New Delhi rape and murder of Jyoti Singh Pandey, the 23-year-old who was studying physiotherapy so that she could better herself while helping others, and the assault on her male companion (who survived) seem to have triggered the reaction that we have needed for 100, or 1,000, or 5,000 years. May she be to women—and men—worldwide what Emmett Till, murdered by white supremacists in 1955, was to African-Americans and the then-nascent U.S. civil rights movement.
We have far more than 87,000 rapes in this country every year, but each of them is invariably portrayed as an isolated incident.  We have dots so close they’re splatters melting into a stain, but hardly anyone connects them, or names that stain. In India they did. They said that this is a civil rights issue, it’s a human rights issue, it’s everyone’s problem, it’s not isolated, and it’s never going to be acceptable again. It has to change. It’s your job to change it, and mine, and ours.
Rebecca Solnit has written a version of this essay three times so far, once in the 1980s for the punk magazine Maximum Rock’n’Roll, once as the chapter on women and walking in her 2000 book Wanderlust: A History of Walking, and here. She would love the topic to become out of date and irrelevant and never to have write it again.
Copyright 2013 Rebecca Solnit





A Rape a Minute, a Thousand Corpses a Year Jan 24, 2013



Ti piace?

Porno Apple, vietata la ricerca a luci rosse


Rimosse da App Store, le popolari applicazioni di photo sharing 500px e ISO500 sono finite nel mirino di Apple per aver permesso agli utenti iOS di visualizzare immagini a sfondo erotico o addirittura pedopornografico. Come spiegato alla stampa dal COO di 500px Evgeny Tchebotarev, i revisori della Mela avrebbero bocciato le versioni aggiornate delle due applicazioni per "l'estrema facilità con cui gli utenti possono ricercare immagini di nudo".

In un primo comunicato diramato dalla startup canadese, le nuove versioni aggiornate di 500px e ISO500 non permetterebbero affatto la ricerca di immagini oscene di default. Tutti gli utenti interessati alle fotografie spinte avrebbero dovuto loggarsi via desktop e dunque disabilitare l'impostazione safe search (ricerca sicura) della piattaforma. "Alcune persone sono sufficientemente mature per visualizzare questo tipo di fotografie - ha spiegato Tchebotarev - Ma di default la ricerca è sicura".

Negando con fermezza il caricamento di immagini pedopornografiche - "Dalla nascita dell'azienda, non abbiamo mai ricevuto una sola notifica sulla diffusione di immagini pornografiche che coinvolgono i minori", ha spiegato ancora il COO di 500px - i responsabili avevano chiesto a Cupertino 24 ore di tempo per studiare il problema e rilasciare una nuova versione delle app.


Il gigante californiano ha invece preferito rimuovere 500px dal suo App Store, ritenendo l'applicazione "in violazione delle linee guida" indirizzate agli sviluppatori. "Abbiamo anche ricevuto alcune lamentele sulla possibile presenza di immagini pedopornografiche", si legge ancora nel breve comunicato della Mela. I vertici di 500px hanno tuttavia assicurato che la parola pedopornografia non sarebbe mai comparsa nei primi contatti con Apple.

Apple, vietata la ricerca a luci rosse 23 gennaio 2013



Ti piace?

Revenge Porn Pornovendetta


Hollie Toups, 32enne di Beaumont, ha sporto denuncia contro Texxxan.com, sito che invita i propri utenti a pubblicare foto di nudità scattate per uso privato. Toups aveva rinvenuto sul sito immagini di sé che credeva fossero rimaste confinate nella relazione con un partner o nel proprio smartphone, aveva chiesto ai responsabili del sito la rimozione dei contenuti: per accogliere la sua istanza le sono stati chiesti gli estremi della carta di credito. È così che la donna ha reclutato l'avvocato John S. Morgan per rappresentarla, e per rappresentare tutte le vittime del sito, chiedendo per la propria azione legale lo status di class action.

L'accusa nei confronti di Texxxan.com è di violazione della privacy e di aver inferto danni psicologici alle persone raffigurate nelle foto postate da terzi. La class action ruota dunque intorno alla responsabilità della piattaforma, che si dichiara però, nel disclaimer, "non responsabile per ciascuno dei caricamenti, dei commenti e delle attività di chi visualizza il sito, degli utenti e dei membri". Questa neutralità si baserebbe sulla sezione 230 del Communications Decency Act, legge statunitense che dovrebbe tutelare gli intermediari dalle azioni di coloro che usufruiscono dei loro servizi. Ma Texxxan.com mostra di agire consapevolmente pubblicizzando la propria ospitalità rispetto a coloro che vogliano caricare fotografie scattate nel privato senza prima ottenere il consenso della persona immortalata: un elemento che secondo l'avvocato Morgan sarebbe determinante per avvalorare le ragioni delle sue assistite.


Insieme ai proprietari del sito, e a coloro che hanno caricato le foto, ad avere responsabilità sarebbero anche coloro che hanno aderito al sito per la semplice consultazione: tutti sarebbero a conoscenza del fatto che le immagini sono state pubblicate senza il consenso delle persone ritratte, tutti sarebbero tasselli di un meccanismo fatto di visualizzazioni e di rimbalzi di visibilità capace di arrecare danno alle persone esposte. Tanto da rendere le vittime riconoscibili dal fruttivendolo, lamenta Toups. 

Ma non è tutto: ad essere chiamato in causa è anche il registrar GoDaddy, poiché risulterebbe parte attiva del sistema garantendo lo spazio al sito e traendone profitto. L'avvocato Morgan solleva questioni di ordine morale: "Perché un'azienda come GoDaddy - provoca il legale - dovrebbe associare il proprio nome a questo tipo di siti?". Il registrar non ha commentato a proposito del caso, ma in passato si è dimostrato attivo nel selezionare la propria clientela, e a favore dell'interventismo degli intermediari nei confronti delle brutture della Rete: è accaduto nel caso di un sito accusato di violazione della privacy di agenti di polizia statunitensi di cui ospitava schede personali e valutazioni, costretto a trovarsi un altro host prima di essere assolto sulla base del diritto alla libertà di espressione; è accaduto con il confuso supporto alla proposta di legge SOPA, che avrebbe dovuto coinvolgere tutti gli ingranaggi dell'infrastruttura della Rete nella lotta alla violazione del copyright.

Nonostante GoDaddy possa offrire la propria collaborazione radiando Texxxan.com dalla Rete e ammantandosi di un'azione che potrebbe suscitare la simpatia di taluni, sembrano esserci pochi dubbi riguardo alla sua immunità, che sarebbe garantita anche qualora l'host fosse a conoscenza del contenuto del sito a cui fornisce i propri servizi.

La class action mossa dalle donne di Texxxan.com, se forse non può ambire ad ottenere un successo su tutti i fronti al cospetto della giustizia statunitense, mira almeno a sensibilizzare la società civile. Pullulano i siti di revenge porn, spesso combinati ad episodi di estorsione per la rimozione delle fotografie, ma il dibattito a riguardo sarebbe frenato dagli imbarazzi degli involontari protagonisti degli abusi: "questo fenomeno del revenge porn deve entrare nell'opinione pubblica e nell'ordine del giorno del legislatore" chiosa l'avvocato che capitanerà la class action. Le vendicatrici dei vendicatori di Texxxan.com si sono già mosse.

Vendetta per pornovendetta 23 gennaio 2013



Ti piace?

Das Kinderzuchthaus La Prigione dei Bambini


Il documentario “Das Kinderzuchthaus”, letteralmente “La prigione dei bambini”, testimonia cinquant’anni di abusi subiti dai bambini di un orfanotrofio svizzero per mano delle suore che avrebbero invece dovuto accudirli.
IL CASO – 20 Minuten si è messo sulle tracce degli autori di “Das Kinderzuchthaus” per raccontare le barbarie compiute all’interno di un orfanotrofio dal 1928 fino al 1970, un periodo lunghissimo che getta ombra sull’istituto nei pressi di Lucerna, in Svizzera 
GLI ABUSI – Il documentario viene definito “un memoriale” per il futuro. In effetti, porta alla luce un passato fatto di violenze, presunti abusi sessuali, suicidi e il tutto, messo a tacere, rischiava di finire inosservato. La Commissione che sta indagando sui fatti ha evidenziato le difficili circostanze in cui le suore dovevano lavorare, dicendo che non erano preparate ma soprattutto le istituzioni ufficiali ignoravano quanto avveniva tra le mura dell’orfanotrofio. Se picchiavano i bambini, quindi, dipendeva dalla loro scarsa preparazione. Il procuratore Kueng ha spiegato che i dati sono stati raccolti per “dare risposte a tutti quei bambini ‘torturati’ da persone che si comportavano come aguzzini”.
LA SCOPERTA – Quando i fatti sono usciti allo scoperto, il monastero di Lucerna ha reagito con “tristezza” e “rammarico” affermando che “le suore hanno agito in modo subdolo e che hanno avuto grosse mancanze”, la madre superiora si è detta scioccata quando ha appreso degli “incidenti” di Emmen. Le suore si sono comportate in modo violento, sfruttavano i bambini e li picchiavano ferocemente e probabilmente, se le testimonianze degli ex allievi troveranno conferma, pioverà su di loro anche l’accusa di violenza sessuale. All’interno dell’istituto sono stati registrati anche casi di omicidio suicidio.

La prigione dei bambini abusati dalle suore 24/01/2013



Ti piace?

domenica 20 gennaio 2013

Bulgaria, nella tana dei pedofili


Violentati nell'orfanotrofio. Fotografati e filmati. Il racconto choc di tre bambini bulgari adottati in Italia


Le luci nelle finestre dell'orfanotrofio stasera si spengono più tardi del solito. Sono le otto e venti. Qui fuori la mezza luna rischiara l'aria limpida a quindici gradi sotto zero e le sagome delle volpi affamate che si avvicinano in cerca di qualcosa da mordere. E' il momento peggiore. L'ora in cui risuonano i latrati dei cani randagi. E quella in cui D. entra nelle camere dei bambini più piccoli. Succede quasi ogni sera in questo istituto sperduto nelle campagne innevate della Bulgaria. 

E se non è D., c'è sempre qualcuno della sua età che vuole fare sesso a quest'ora. Hanno soltanto dodici, tredici anni. Non oltre. Gli altri, le loro vittime, sono cuccioli. Tre anni. Cinque. Sette. Al massimo dieci. Non è nemmeno colpa di D. Lui ripete semplicemente ciò che gli ospiti più grandi gli avevano imposto. E non solo gli ospiti. Alle violenze spesso si unirebbero alcuni dipendenti dell'istituto. Almeno sette uomini e quattro donne. Fanno prostituire i bambini in una discoteca. Scattano fotografie. A volte filmano le aggressioni. Forse rivendono quelle immagini. 

Qui, ai confini dell'Unione Europea, tra i latrati e le volpi che ti girano intorno, è un segreto custodito da anni. E sarebbe durato ancora, se tre bambini appena adottati in Italia non avessero avuto il coraggio di rompere il silenzio. Adesso che sono liberi, vogliono salvare gli altri bimbi, quasi sessanta, che tuttora vivono nell'orfanotrofio. E soprattutto curare loro stessi da un'infanzia fin troppo crudele.

E' un resoconto agghiacciante. Sette pagine inviate qualche settimana fa al presidente della Commissione per le adozioni internazionali, il ministro Andrea Riccardi. Nell'esposto i genitori adottivi lamentano la mancata denuncia, una volta conosciuti i fatti, da parte dell'associazione che ha mediato l'adozione, l'Aibi di Milano. Uno dei maggiori enti legalmente riconosciuti: 249 bambini portati in Italia nel 2011, proventi dichiarati per 8 milioni 761 mila euro e un patrimonio di quasi 4 milioni. Il presidente dell'Aibi, Marco Griffini, è stato informato delle violenze con telefonate e email fin dal 12 ottobre. 

«Abbiamo subito segnalato la vicenda alla Cai, la Commissione per le adozioni», sostiene Griffini. Quando? «Non ricordo la data», risponde: «Ma è la Cai che deve avvertire l'autorità centrale bulgara. E poi non abbiamo solo questo caso. Gli abusi sui bambini sono molto frequenti». Da quanto risulta a "l'Espresso", però, l'Aibi ha informato la commissione governativa soltanto pochi giorni fa. Molto dopo la prima segnalazione dei genitori adottivi. Un silenzio che ha ritardato di oltre due mesi le indagini su una probabile organizzazione di pedofili

Sono una quindicina i bimbi cresciuti nello stesso istituto bulgaro e ora adottati in Italia. Ma le loro nuove famiglie non sanno nulla. Un vuoto preoccupante nei controlli che dovrebbero invece accompagnare i percorsi dell'adozione internazionale. E garantire assistenza adeguata ai bambini: perché esperienze così drammatiche, se non vengono trattate, potrebbero condizionare la crescita. 

Se questo succede in un Paese come la Bulgaria che fa parte dell'Ue e ha ratificato la convenzione dell'Aia sulla protezione dei minori, si può facilmente immaginare cosa accada altrove. Solo tre figli adottivi, arrivati nel 2012, hanno svelato il segreto ai genitori. Due maschi, di 10 e poco più di 11 anni. E una bimba, che ha poco meno di 9 anni. Un'équipe di psicoterapeuti li ha ascoltati secondo i protocolli adottati dai centri di terapia familiare. Le sedute sono state filmate e i piccoli hanno potuto ricostruire le violenze con l'aiuto di disegni, colori e bambole anatomiche. «I racconti dei minori sembrano del tutto attendibili e liberi da induzioni nella manifestazione dei propri pensieri», conclude il rapporto psicologico allegato all'esposto: «C'è motivo di ritenere che le precoci e ripetute esperienze, fatte quando i bambini erano nell'istituto in Bulgaria, siano divenute in qualche modo comportamenti vissuti oggi come normali o comunque consentiti».

«A me no, solo poche botte», dice la bimba durante una seduta di psicoterapia. E racconta un'esperienza particolarmente traumatica. «Fa riferimento a una discoteca», è scritto nel rapporto, «dove lei e altre bambine presenti nell'istituto venivano condotte. Inizialmente si ballava e ci si divertiva poi, di solito dopo la torta, le bambine venivano avviate in stanze nelle quali alcuni uomini "giocavano" con loro». 

La piccola rivela anche di aver visto mettere le mani al collo e alla bocca di una bambina per impedirle di gridare. A quel punto l'hanno violentata davanti alla sorella. Sono i particolari troppo precisi per la loro età, oltre al metodo di indagine seguito, a convincere gli psicoterapeuti che i tre bambini abbiano davvero vissuto tutto questo. 

Parlano anche di adulti esterni all'organizzazione dell'orfanotrofio che frequentano la discoteca. Di uomini nudi con la faccia coperta da passamontagna. Della telecamera professionale montata sul cavalletto. Del televisore, forse un monitor, su cui i grandi rivedono le loro perversioni. Di pistole impugnate per spaventarli. E di almeno cento bambini, violentati come loro negli ultimi sei anni. 

Quei tre piccoli eroi hanno avuto davvero coraggio. Perché prima di lasciarli partire per l'Italia, li hanno minacciati. Qualcuno ha detto loro che li avrebbero riportati qui: «Se parlate, i vostri genitori italiani vi rifiuteranno e tornerete in Bulgaria». Per loro la Bulgaria è l'orfanotrofio. Non hanno visto altro. Abbandonati dalle loro famiglie troppo povere per crescerli, per sei anni hanno vissuto nell'istituto. Tempo fa, più o meno quando i coetanei italiani sono in terza elementare, e altre volte ancora, il più grande dei tre ha provato a chiedere aiuto alla direttrice. «La stessa», sintetizzano nell'esposto le famiglie adottive, «a seguito delle richieste di aiuto dei bambini, vittime dei soprusi, si sarebbe limitata a redarguire i minori autori delle violenze. Con l'effetto di inasprire le loro condotte. E alimentare sentimenti di vendetta, che si sono tradotti in altre violenze». 

«Io racconto alla direttrice», spiega il bimbo più grande, «lei dice che la prossima volta che D. fa così, chiama la polizia». Ma non appena si spengono le luci, D. continua a entrare nelle camere dei più indifesi. E nessun adulto chiama la polizia. «Proprio come fosse un rito», annotano gli psicoterapeuti nel loro rapporto, «i bambini in cerchio dovevano assistere ad atti di violenza fisica e sessuale che D. usava nei confronti dei più piccoli». 

I resoconti dei tre bambini, sentiti separatamente, coincidono: «Anche con la sorella, D. faceva questo». Raccontano di un altro bambino picchiato da D. e da altri come lui, mentre cercava disperatamente di proteggere la sua sorellina. Lui sapeva cosa stava per accaderle, perché era già stato violentato. Lo hanno preso a pugni in faccia. Poi hanno aggredito la sorellina. Secondo il racconto dei tre, non hanno avuto pietà nemmeno per una bimba epilettica. Per i suoi 9 anni. Per le crisi durante le quali sarebbe stata costretta ad avere rapporti sessuali. 

Anche la bambina adottata in Italia ha subito violenze dagli stessi compagni di istituto: «Io vedevo M. e B. che facevano sex e io (lo) facevo con S.». La piccola «sembra avere vissuto il tutto come un gioco», scrivono gli psicoterapeuti, «non connotando negativamente l'accaduto». Un gioco per lei normale. Anche perché il mondo degli adulti intorno a questo orfanotrofio è un abisso senza fondo. Ed è il resto della storia che i tre bambini raccontano.

Bulgaria, nella tana dei pedofili 14 gennaio 2013



Ti piace?

Operation Zucker, pedofilia e prostituzione infantile


Operation Zucker” è un film tedesco che porta in scena la prostituzione infantile. La questione ha sollevato un polverone nella terra della Merkel e i genitori sono preoccupati dalla possibilità che i loro figli possano finire in bordelli per pedofili.
IL CASO – Dai dati della polizia tedesca nel 2012, 640 bambini sono stati rapiti o sono finiti vittima di prostituzione. Lo rivela la Bild. E dal 1999 il numero dei sequestrati e degli abusati è praticamente raddoppiato. La cifra è alta e spaventa, in più gli esperti sottolineano che solo un caso su tre esce allo scoperto. La violenza verso i minori è una piaga mondiale anche nei paesi insospettabili e l’attenzione sull’argomento è tornata viva in Germania in seguito alla diffusione della pellicola sulla rete pubblica.
I RAPIMENTI - Le vittime arrivano quasi tutte dall’Europa dell’Est ma non solo, dopo il disastro di Haiti, i pedofili tedeschi si sono lanciati nel paese dilaniato a caccia di bambini da “contrabbandare” e inserire nella rete della violenza forzata a pagamento. Sempre più sospetti collegano le sparizioni dei minori ad attività illecite, come è successo a Pascal, 5 anni, scomparso nell’autunno del 2001 e da quel giorno sono sparite le sue tracce. Sul banco degli imputati sono finiti quattro donne e otto uomini ma sono stati tutti assolti per mancanza di prove: Pascal è stato tenuto sul retro del locale “Tosa-Klause”, costretto a ripetute violenze e poi ucciso. Ci sono casi ancora più plateali, come il giro scoperto dalle forze dell’ordine nel gennaio del 1993 quando gli agenti fecero irruzione nel bordello “Jasmin” trovando ragazzi dai 13 ai 19 anni tenuti segregati da almeno due anni, racconta ancora la Bild.
ADESCAMENTO – La rete dei pedofili si muove tramite internet ma agisce anche sul posto, puntando i luoghi economicamente disastrati. Gli orchi attirano i bambini con i giocattoli, videogames ma anche alcool e sigarette. A fine dicembre 2012, la polizia spagnola ha sventato un traffico internazionale di pornografia infantile, la Bild racconta che le forze dell’ordine hanno liberato diciannove bambini di nazionalità tedesca, ucraina e rumena. Ventotto persone sono finite agli arresti e nei confronti di altre dieci sono scattate le indagini. I giovani erano segregati ad Alicante mentre i video degli abusi sono stati girati anche nelle loro terre d’origine.
LA PELLICOLA - Nel film Operation Zucker andato in onda ieri sulla tv tedesca, è apparsa la storia in parte vera dell’arresto di un uomo di 49 anni che adescava bambini da portare poi nei bordelli. L’uomo è finito in carcere nel 2008 a causa del traffico al fine di reati sessuali con una condanna di quattro anni e otto mesi di carcere. Il 26 novembre 2012 è tornato in libertà e oggi vive nel quartiere berlinese di Wedding al piano terra di un condominio che si affaccia su una scuola. Prima di diventare un magnaccia dell’infanzia vendeva auto poi è passato al traffico di bambini. Il più giovane finito nella sua rete aveva dodici anni e il più grande sedici. Nel film si narra la storia di una bambina proveniente da una famiglia povera della Romania che finisce a “lavorare” in un bordello pedofilo, un tema forte andato in onda in prima serata che ha turbato una nazione intera.



Ti piace?

sabato 19 gennaio 2013

La Chiesa pianificava gli abusi sessuali


Il Blick rivela nuove scoperte in materia degli abusi sessuali compiuti dalla Chiesa cattolica in Germania: i preti pedofili hanno largamente pianificato le violenze su bambini e adolescenti.
IL CASO – I preti guadagnavano la fiducia dei piccoli fedeli per poi abusare di loro” è quanto rivela Stephan Ackermann, il vescovo responsabile della Cei tedesca. Ackermann, a marzo dell’anno scorso, è stato accusato dallo Spiegel di nascondere i segreti legati allo scandalo (ne abbiamo parlato qui).
L’INDAGINE – Il Blick spiega che l’indagine ha analizzato le testimonianze delle vittime degli abusi avvenuti tra il 1950 e il 1980 e non risultano “atti casuali” bensì vere pianificazioni per “raggirare” i bambini. I molestatori giocavano sulla sfera psicologica dei bambini attraverso ricatti morali in modo tale da guadagnare il silenzio su quanto avveniva. La maggior parte dei testimoni, circa il 60%, ha dichiarato di essere stato vittima di violenza sessuale e i dati mostrano anche una preferenza verso i bambini rispetto alle bambine.
VIOLENZA – Ackermann non ritiene l’indagine conclusa e, anzi continuerà “grazie” al filo diretto con un numero verde istituito per le vittime. Ad oggi, risultano almeno 1.200 vittime. Alla comparsa dello scandalo nel 2010, sono seguite varie confessioni e il numero verde ha rappresentato un primo punto di contatto per risalire a quanto successo. Da oggi, le vittime possono rivolgersi alla consulenza promossa dalle singole diocesi.

La Chiesa pianificava gli abusi sessuali 18/01/2013



Ti piace?

giovedì 17 gennaio 2013

Porno Playboy


Una multa salata per uno dei marchi più noti nel reame a luci rosse. Il gigante Playboy dovrà versare un totale di 100mila sterline (circa 120mila euro) per aver distribuito immagini e video pruriginosi senza adeguate misure di sicurezza per la tutela dei minori in terra britannica. I vertici dell'Office of Communications (Ofcom) hanno infatti sottolineato come il porno-impero di Hugh Hefner non abbia fatto granché per impedire l'accesso dei più giovani ai propri siti.

Dopo un'attenta analisi delle piattaforme digitali Playboy TV e Demand Adult, Ofcom ha trovato "inaccettabili" gli strumenti adottati dall'azienda statunitense per la tutela degli internauti di minore età. Agli over 18 basterebbe un click sul tasto "dichiaro di essere maggiorenne" per visualizzare tutti i contenuti pornografici sui due siti incriminati. Nel caso di Playboy TV, questa autocertificazione dell'età non sarebbe nemmeno evidente in homepage.

Nella fattispecie, Playboy non avrebbe implementato uno dei meccanismi ritenuti più efficaci in terra d'Albione, ovvero basato sull'inserimento di una carta di credito valida.


Demand Adult - che da solo ha subito una sanzione di 65mila sterline (quasi 80mila euro) - avrebbe permesso la visualizzazione di contenuti premium con una semplice carta di debito, che nel Regno Unito è alla portata dei minori di 18 anni. 

Playboy, multa per porno negligente 17 gennaio 2013



Ti piace?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

ShareThis