Post in evidenza

Raped by the System: the Wadakancherry Rape Case

The prime accused in the case is a corporation councillor belonging to the CPM that is ruling the state

domenica 13 ottobre 2013

Scoperto dopo 22 anni l’assassino di «Baby Hope»

Dopo 22 anni, è stato risolto un caso che commosse l’America: quello di una bimba stuprata e uccisa e ritrovata abbandonata in un frigo a Nord di Manhattan. Fino a pochi giorni fa nessuno sapeva neanche come si chiamava e per questo venne sepolta col nome Baby Hope. Poi è arrivata la svolta.


LE INDAGINI - Prima, la settimana scorsa è stata individuata la madre, una donna di origini messicane che ha vissuto a lungo nel Queens, a New York, e così si è scoperto il nome della bimba: Anjelica Castillo, aveva quattro anni quando è stata uccisa. Ieri, è stato anche arrestato il suo assassino: è un suo cugino, che oggi ha 52 anni, si chiama Conrado Juarez e fa il lavapiatti in un ristorante. Aveva 30 anni all’epoca dell’assassinio di Anjelica. Ha confessato di averla uccisa a casa di sua sorella, alla quale ha poi chiesto aiuto per nascondere il corpo (la donna è morta). Ad annunciare la svolta è stato il capo della polizia di New York, Ray Kelly.

IL CASO - Il corpicino malnutrito di «Baby Hope»
La tomba di Baby Hope (Afp)La tomba di Baby Hope (Afp)
fu trovato nudo dentro a un frigorifero da picnic, vicino a un’autostrada, la nei pressi della Hudson Parkway, senza niente che permettesse di riconoscere la sua identità (da qui il soprannome). Gli agenti, nel 1991, furono così commossi dalla sua fine orribile, che pagarono il suo funerale e per la sua sepoltura, e non hanno mai rinunciato a fare giustizia.

Scoperto dopo 22 annil’assassino di «Baby Hope» 13 ottobre 2013


Ti piace?

Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...