Post in evidenza

#BreakTheSilence on Rape Culture

Smita Sharma was molested by a professor and then, her cousin committed suicide after facing abuse. Today, this photojournalist traverses...

mercoledì 10 aprile 2013

Foto dello stupro su Facebook: 17enne si impicca


Violentata, stuprata, presa in giro e insultata. Rehtaeh Parsons, 17 anni, si è impiccata in bagno domenica 7 aprile nella sua casa in Nova Scotia, Canada. Depressa e disperata dopo esser stata violentata durante una festa da un gruppo di coetanei quando aveva 15 anni. Umiliata quando le foto della violenza sessuale sono state pubblicate su Facebook. Un click e la sua vita si è trasformata in un incubo, come se già non avesse subito abbastanza.
Iniziano le chiamate anonime “Sei una t…a”, “Vuoi fare sesso con me?”. Emarginata, Rehtaeh aveva provato a raccontare tutto alla madre: “Avevo bevuto vodka, ero ubriaca. Ricordo solo di aver vomitato dalla finestra”. Poi la violenza sessuale. Uno dei ragazzi inoltre scatta qualche foto. La madre qualche giorno dopo ha provato a raccontare tutto ai servizi sanitari e alla polizia. La madre, disperata, racconta: “Mi hanno detto che non c’erano prove sufficienti. Le foto non rappresentavano un atto criminale”. La famiglia così decise di trasferirsi da Cole Harbour a Halifax. Tutto inutile. Rehtaeh non si è mai più ripresa dalla depressione.
“Aveva iniziato a isolarsi – spiega ancora la mamma – cambiava spesso umore, e probabilmente si è suicidata in uno dei momenti di disperazione. Ma sono sicura che ha agito di impulso, non voleva davvero togliersi la vita. Non hanno nemmeno interrogato i ragazzi se non molto, molto tempo dopo il fatto. Io mi aspettavo lo facessero subito”.
Ora la madre lotta affinché la storia non venga dimenticata, anche attraverso Facebook: “Voglio che ci si renda conto del ruolo che hanno avuto social media in questa vicenda e come attraverso questi mezzi mia figlia sia stata violata anche dopo lo stupro”.

Canada, foto dello stupro su Facebook: 17enne si impicca 10 aprile 2013



Ti piace?

Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...