Post in evidenza

"Broken and Betrayed" "Violated" The true story of the Rotherham Abuse Scandal

Broken and Betrayed is an account of the Rotherham abuse scandal by the key whistleblower, Jayne Senior  Sarah Wilson, who suf...

martedì 20 novembre 2012

Porno online è una droga per molti adolescenti

Il porno online è la nuova droga degli adolescenti, almeno secondo gli andrologi riuniti al X Convegno Nazionale della Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità. I dati indicano che per un diciottenne su dieci la pornografia digitale è diventata una vera e propria ossessionePer l'occasione abbiamo deciso di attivare anche un sondaggio a fondo pagina.
Il gruppo di ricerca del prof. Carlo Foresta, docente di Endocrinologia dell'Università' di Padova, ha completato uno studio comparativo su 2mila adulti di età compresa tra i 20 e 35 anni e circa 2mila 18enni. Ebbene, se negli adulti la fruizione porno-digitale esprime un volontario e stimolante comportamento sessuale, nei giovani è vissuta come routinaria e nel 10% dei casi dipendenza ossessiva.
Gli esperti sostengono che sia una fenomeno allarmante poiché la frequentazione dei siti comporta una riduzione della ricerca della sessualità reale e un'importante attività onanistica che in alcuni casi assume caratteristiche patologiche. Sia per adulti che per giovani poi, le eventuali patologie della reazione sessuale si manifestano nel 25% dei casi con anoressia sessuale, turbe dell'orgasmo e disfunzione erettile.
Il progetto di prevenzione andrologica Androlife ha stabilito che circa il 60% dei ragazzi tra i 19 e i 25 anni, coinvolti in una ricerca sull'argomento, ha ammesso di essere fruitore abituale di siti pornografici. Il tutto con una frequenza che varia da 2 volte al mese fino a più volte alla settimana, con una permanenza media di 16 minuti davanti al monitor. Fra i più assidui (circa il 20%) le attività di autoerotismo diventano multiple nella stessa giornata.
Il 75% dei frequentatori trova il sesso online stimolante, il 14% si dice abitudinario, l'8% dichiara che la frequenza induce riduzione verso l'esterno e il 3% denuncia già una dipendenza.
Se si indaga sulle conseguenze si scopre che i non fruitori per l'83% hanno una normale attività sessuale, mentre gli altri si fermano al 70%. Per chi ha problemi si parla di calo del desiderio (il 13% dei fruitori vs 1% degli altri) e della precocità dell'orgasmo (13% dei porno-internauti vs 9%). 


Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...