Post in evidenza

Porn Empire

With Hugh Hefner's death, the media has erupted in praise for his contributions to society through the pornography magazine he found...

mercoledì 19 settembre 2012

Pedofilia: approvata la convenzione di Lanzarote


Ci sono voluti più di tre anni e sei passaggi parlamentari, tra Camera e Senato, ma stavolta è arrivato il via libera. Palazzo Madama ha approvato in via definitiva, all'unanimità, la ratifica della convenzione di Lanzarote per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l'abuso sessuale. Il testo, che aveva cominciato il suo percorso a Montecitorio nel 2009, detta alcune norme di adeguamento interno, volte a modificare, in particolare, il codice penale, il codice di procedura penale e l'ordinamento penitenziario. 

Si tratta di un documento con il quale i paesi aderenti - 41 finora quelli che l'hanno sottoscritta e 10, compresa l'Italia, quelli che l'hanno ratificata - si impegnano a rafforzare la protezione dei minori adottando criteri e misure comuni sia per la prevenzione del fenomeno degli abusi, sia per il perseguimento dei rei, nonché per la tutela delle vittime. Tra le novità, entra a far parte nel nostro codice penale la parola "pedofilia"

Con l'introduzione del nuovo articolo 414 bis infatti. l' "istigazione a pratiche di pedofilia e di pedopornografia" sarà punita con la reclusione da un anno e sei mesi a cinque anni. Alla medesima pena sarà sottoposto anche chi "pubblicamente, fa apologia di questi delitti". Non potranno essere invocate "a propria scusa, ragioni o finalità di carattere artistico, letterario, storico o di costume".

La convenzione di Lanzarote è stata siglata il 25 ottobre 2007 ed è entrata in vigore il primo luglio 2010. Oltre alle fattispecie di reato più diffuse in questo campo (abuso sessuale, prostituzione infantile, pedopornografia, partecipazione coatta di bambini a spettacoli pornografici), il provvedimento disciplina i reati di grooming (l'adescamento attraverso internet) che è una vera e propria novità nel nostro ordinamento, e di turismo sessuale. La convenzione delinea inoltre misure preventive che comprendono il reclutamento e l'addestramento di personale che possa lavorare con i bambini al fine di renderli consapevoli dei rischi che possono correre.

Il provvedimento interviene anche sul tema delle misure di prevenzione personali, con particolare riferimento al divieto di avvicinamento a luoghi abitualmente frequentati da minori. La convenzione limita anche la concessione di benefici penitenziari ai condannati per delitti di prostituzione minorile e pedopornografia, nonché di violenza sessuale. Ammette inoltre al gratuito patrocinio, anche in deroga ai limiti di reddito, le persone offese dai suddetti delitti.

Pedofilia, più protezione per i minoriApprovata la convenzione di Lanzarote 19 settembre 2012 


Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...