Post in evidenza

Raped by the System: the Wadakancherry Rape Case

The prime accused in the case is a corporation councillor belonging to the CPM that is ruling the state

venerdì 6 luglio 2012

Chiesa e pornografia


Il porno è un grande affare, una industria che produce un fatturato stratosferico, un guadagno garantito al quale nesuno rinuncerebbe, neanche la Chiesa. Weltbild è una casa editrice della chiesa tedesca che pubblica circa 2500 titoli di testi a luci rosse, dato ufficiale in quanto dichiarato proprio dalla rivista cattolica Pure. Inoltre controlla anche il 33% di un portale che propone materiale pornograficoWeltbild ha anche il 50% di una società che produce film hard. 

Questo è il settore d'azione della casa editrice che la chiesa tedesca sembra proprio non voler cedere dopo aver stimato l'importanza del business. Dopo aver dichiarato di voler cedere l'affare c'è stata una netta marcia indietro, e le varie partecipazioni azionarie saranno girate a delle fondazioni (chiaramente sotto il controllo della Curia tedesca), dopo essere state incredibilmente nelle mani delle varie diocesi. 
 Un passo falso sconcertante, tenendo conto che la Chiesa è già pienamente avvolta da un polverone di scandali che potrebbero farle perdere numerossimi fedeli. La commercializzazione di materiale pornografico è in netto contrasto con la morale cattolica, questo aveva sollevato una gran rivolta partita da alcuni gruppi cristiani di orientamento conservatore. Questi fedeli ritengono intollerabile che la Chiesa possa proporre l’erotismo per le masse. Ma perdere un grande affare probabilmente fa più paura della perdita del consenso.

La Chiesa fa 2 miliardi all'anno col porno, Weltbild non si cede 05-07-2012 


Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...