Post in evidenza

Supreme Court of India Orders To Block Rape Videos

In a very welcome move, the Supreme Court of India is acting against the publication and dissemination of rape videos

giovedì 7 giugno 2012

PORNO-KILLER


È stato arrestato due giorni fa a Berlino, dopo una serrata caccia all’uomo tra Canada e Europa, il porno-attore canadese Luka Rocco Magnotta (alias, il “porno-killer”). 

Il caso Magnotta era balzato alle cronache circa una settimana fa, con la scoperta di un torso umano nel cortile di un edificio del quartiere Cote-des-Neiges di Montreal. Al macabro ritrovamento erano seguiti due pacchi, contenenti anche questa volta una mano e un piede - provenienti dallo stesso corpo - inviati via posta alle sedi dei due maggiori partiti di Ottawa.

La polizia canadese era quindi entrata in possesso di un video, diffuso in Rete dallo stesso Magnotta, che riprendeva il brutale omicidio di un cittadino cinese, successivamente identificato come Jun Lin, 33 anni, aggredito con un punteruolo da ghiaccio e poi smembrato. Dopo avere pubblicato il video, Magnotta era fuggito in Francia con un volo della Air Transit, viaggiando al fianco di due ignari viaggiatori che, intervistati dopo l’arresto, hanno testimoniato che sull’aereo il ragazzo appariva «sporco, agitato» e che avrebbe «pianto per gran parte del tragitto».

Una volta atterrato a Parigi, Magnotta aveva trascorso alcuni giorni girovagando per la città e dormendo in una pensione, senza preoccuparsi di essere eventualmente riconosciuto. Cosa che è successa qualche giorno dopo, in un Internet-cafè di Berlino, luogo in cui la polizia tedesca ha effettuato l’arresto. Con la cattura, la sanguinosa storia di Magnotta sembrava terminata: il killer in manette, l’ammissione istantanea alla vista del distintivo («è me che state cercando”, avrebbe detto), la decisione di non opporsi all’estradizione in Canada, mossa che accorcerà i tempi della giustizia.

Il ritrovamento di questa mattina, però, infligge un altro duro colpo ai nervi già tesi dell’opinione pubblica: nonostante che siano in tanti a credere che anche i due nuovi pacchi siano riconducibili a Magnotta, altri temono invece che siano opera di un imitatore, un individuo affascinato dalle gesta di questo ragazzo non ancora trentenne dal viso d’angelo e l’anima nera.


Leggi l'articolo completo: “Porno-killer”, trovati altri resti | mondo | Il SecoloXIX 

“Porno-killer”, trovati altri resti 06 giugno 2012


Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...