Post in evidenza

Supreme Court of India Orders To Block Rape Videos

In a very welcome move, the Supreme Court of India is acting against the publication and dissemination of rape videos

mercoledì 23 maggio 2012

FACEPORN Porno Social Networks


Il sito norvegese Faceporn, è un vero e proprio porno-social network dedicato al mondo del porno, che ospita foto e video gratuiti che gli utenti possono guardare, commentare, condividere o votare. Un paradiso, o un inferno, a seconda dei punti di vista, del sexting.
Facebook, forte del marchio registrato sulla parola “Face“, ha fatto causa al portale, presso il tribunale della California, per violazione del trademark chiedendo la cessione del dominio e il pagamento delle spese processuali sostenute da Facebook. Ma gli è andata male. Il giudice che si è occupato della causa, Jeffrey White, ha stabilito che la Corte non ha giurisdizione sul caso, visto che il sito è norvegese e che nessuno cittadino californiano è stato danneggiato o offeso in alcun modo da Faceporn
In nome del diritto alla libertà individuale e alla libertà di espressione, quindi, del diritto alla pornografia, esistono diversi porno-social networks, frequentati perlopiù da pornodipendenti e maniaci sessuali, ma del tutto legali, dedicati alla pornocultura.
Oltre a Faceporn c'è Zocku, è sviluppato da SocialGo, i cui membri possono creare i loro profili, blog e bacheche, condividere video, chattare, utilizzare tutte le funzionalità comuni di social networking , compresi i guadagni ricavati dalla pubblicità.
Red Light Social Center è invece una sorta di Second Life per adulti, con tanto di sexy-shop, nightclub, cinema a luci rosse, bordelli e alberghi a ore per appartarsi con le persone appena incontrate.Un ambiente porno-immersivo in 3d, popolato da porno-avatars che possono intrattenere rapporti hard. Basta scaricare il software gratuito, crearsi un porno-avatar e iniziare a esplorare le varie zone (modellate sul Red Light district di Amsterdam). Per avere accesso a tutti i contenuti bisogna acquistare un account Vip, disponibile per 20 dollari al mese.

La maggior parte degli utenti - spiegano i creatori del mondo virtuale - si reca su Red Light Center più per socializzare che per visualizzare filmati o immagini. Alla grande vanno anche i sex toys e la lingerie, che possono essere “provati” sull’avatar prima di decidere se acquistarli o meno. Altra attività preferita è la simulazione dei rapporti sessuali: “I nostri utenti possono partecipare ad attività sessuali senza limiti e senza alcun rischio. Se si ha immaginazione, si tratta di un universo pienamente soddisfacente e senza eguali”.


Faceporn vince il primo round contro Facebook 23 mag 2012

Social porno: ecco i social network del sesso 24 Ago 2009

Red Light Center, l’ultima frontiera del sesso virtuale 03 maggio 2007




Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...