Post in evidenza

#BreakTheSilence on Rape Culture

Smita Sharma was molested by a professor and then, her cousin committed suicide after facing abuse. Today, this photojournalist traverses...

giovedì 10 maggio 2012

Babysitter abusa di una bimba di 5 anni e mette video online


Una baby-sitter rischia di passare 30 anni dietro le sbarre, dopo aver ammesso di aver aggredito sessualmente una bambina di 5 anni e di aver trasmesso  le immagini della violenza ad altri predatori grazie alla video-chat di Skype sul suo iPhone. 

Jennifer Mahoney, 33 anni, di Manalapan, New Jersey, si è dichiarata colpevole presso la US District Court di sfruttamento sessuale di un bambino che ha avuto luogo in almeno due occasioni nella sua casa.

“Non posso credere a quello che le sta accadendo. Lei è arrabbiata con se stessa”, ha dichiarato l’avvocato difensore di Mahoney, Herbert Ellis, a NJ.com, dopo che la sua assistita si è presentata in udienza con una tuta rossa della prigione e una catena intorno alla vita. La donna rischia una condanna tra  15 e i 30 anni di carcere quando verrà condannata il prossimo 22 agosto, oltre a dover pagare un risarcimento alla vittima. Mahoney  ritiene che una condanna a 30 anni di carcere sarebbe appropriata, anche se il giudice avrà l’ultima parola. Sarebbe in libertà vigilata tra cinque anni, ma ha anche accettato di non ricorrere in appello.

Mahoney si trova in carcere da dicembre dopo che i magistrati hanno rivelato che tre video pornografici che mostrano aggressioni sul bambino sono stati trovati sul computer di Robert Ramos Jr. di Austin, Texas. Mahoney ha ammesso di aver inviato il video per Ramos, che credeva vivesse in Arizona, e ad un altro individuo. Ramos è stato accusato di possesso di pornografia infantile e di sfruttamento sessuale dei minori. Gli investigatori del Texas hanno constatato che l’uomo ha creato sette account falsi su Facebook per sollecitare le ragazze a mandargli foto nude di se stesse o impegnate in atti sessuali. In un video ottenuto dalle autorità, Mahoney viene vista fare il bagno alla bimba in una vasca, dicendole come mettersi in posa e toccandola impropriamente.

La donna ha  anche ammesso di aver abusato della bambina in un’altra occasione, registrando l’abuso con una fotocamera dell’iPhone e inviando il video ad almeno un’altra persona. Infine, Mahoney ha ammesso di aver visualizzato altri video di abusi sessuali su minori in streaming con un servizio di chat video

“Questo crimine orribile è un chiaro esempio di come la pornografia minorile sia nociva, e come le sue giovani vittime rechino solo le cicatrici fisiche ed emotive della violenta aggressione sessuale, ma un trauma permanente”, come dichiarato dal procuratore Paul Fishman in una dichiarazione, aggiungendo: “Quelli come Mahoney, che creano e alimentano il mercato, perpetuano una sofferenza inimmaginabile per i bambini di cui abusano”.


Babysitter abusa di una bimba di 5 anni e mette i video online 10 maggio 2012 





Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...