Post in evidenza

PORNOCRACY

Originally trained in philosophy, and known as the “porn star intellectual” since the publication of her book  Porno Manifesto  in the...

martedì 27 marzo 2012

In Italia è boom di video di ragazze minorenni nude


Sul sito di Repubblica è disponibile un 'inchiesta che cerca di affrontare il mondo dell'adolescenza in questi anni, raccontandone le fragilità e i pericoli, tra esibizionismo via Internet e sbronze già a dodici, tredici anni. “È la generazione degli anni zero. Ragazzini che si confrontano sempre prima con i disagi degli adulti. Da un lato l'alcol, un problema per 400 mila minori. Dall'altro internet che li espone a nuovi pericoli: sono in molti a rischiare di cadere nelle rete della pedopornografia”, questa la presentazione del viaggio nel mondo dell'adolescenza.
Ragazzine che si spogliano in webcam o filmandosi con il cellulare per poi ricattare (o essere ricattate), bullismo che nasce nei corridoi delle scuole per poi finire su Internet: oltre alla difficoltà di vivere anni significativi e problematici, agli adolescenti di oggi manca spesso la consapevolezza delle loro azioni, soprattutto quando si tratta di diffondere immagini con telefonini e web."I ragazzi non si rendono conto che quei video e quelle foto possono finire nel giro della pedopornografia e chi li diffonde commette un reato”, spiega a Repubblica la psicologa Barbara Forresi di Telefono Azzurro. 


Sexting, ovvero l'invio di foto e video a sfondo sessuale. Secondo i dati presentati, si tratta di un fenomeno in crescita in tutta Europa e avviene non solo tra amici o fidanzati ma spesso anche tra sconosciuti, senza che chi compie certe azioni abbia chiaro in mente quali possano essere i pericoli.


Le notizie su ricatti a base di foto erotiche o su azioni di bullismo che finiscono su YouTube arrivano spesso alle prime pagine dei giornali. Qualche giorno di cronaca, un'intervista ai genitori poi non se ne parla più. I problemi ovviamente rimangono, soprattutto perché sono legati a un contesto culturale dominante, quello dei corpi esposti, dello sfruttamento dell'immagine femminile (e delle discriminazioni di genere) di un orizzonte in cui il riferimento è il consumo, di qualsiasi cosa, persone comprese.
Unito a questo c'è un sistema educativo che si muove più lentamente di quanto non facciano i ragazzini che si trovano così nelle mani strumenti dalle potenzialità enormi come la Rete, senza la consapevolezza necessaria a usarli con attenzione e con conoscenza dei possibili rischi.

Video ragazze minorenni nude: in Italia è boom. Per soldi o esibizionismo 26/03/2012


Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...