Post in evidenza

Raped by the System: the Wadakancherry Rape Case

The prime accused in the case is a corporation councillor belonging to the CPM that is ruling the state

venerdì 10 febbraio 2012

Legata e stuprata dal suo allenatore: 16enne si suicida


Legata e stuprata dal suo allenatore di karate: Dana, brillante studentessa e ottima atleta, si è tolta la vita. La ragazza non ha retto il dolore che tale esperienza ha portato nella sua vita. L'aggressore sconterà 8 anni di galera.

Aveva esternato un ultimo grido di aiuto su Facebook, nelle ore precedenti al suicidio. Nel post si legge quanto segue: “Sono qui, cercando di capire cosa diavolo farò”. Perché una ragazzina si sarebbe dovuta togliere la vita? Dana Baker è stata legata e poi stuprata da Jaspal Riat, un uomo di 48 anni, il quale è stato condannato a scontare una pena di 8 anni per il reato commesso. Dana non ha retto e si è tolta la vita, straziata dal dolore. Dana era una studentessa brillante, che amava lo sport e divertirsi: la sua vita stroncata dalla libidine di un uomo più maturo che in lei aveva intravisto un ‘oggetto sessuale’ e non una giovane ragazzina per la quale poteva addirittura essere un padre.

L’aggressore, che proviene da Handsworth Wood, Birmingham, ha violentato Dana quando la ragazzina aveva appena 14 anni. La giovane era allieva dell’uomo che insegnava arti marziali nell’accademia della città, nonché studentessa della Stouport High School. Dana ha rappresentato la Gran Bretagna ai Mondiali WUKO Junior Championships Karate in Italia nel 2008. Riat la portò in Italia e, proprio in quel viaggio, ha fatto sesso con lei. Per l’allenatore è decaduto il capo di accusa dello stupro ed è stato condannato per violenza sessuale e altri sette capi riguardanti attività sessuale con minore. Il processo è iniziato nell’estate del 2010. 


Legata e stuprata dal suo allenatore: 16enne si suicida 7 febbraio 2012




Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...