Post in evidenza

Supreme Court of India Orders To Block Rape Videos

In a very welcome move, the Supreme Court of India is acting against the publication and dissemination of rape videos

giovedì 27 ottobre 2011

Il porno rovina la vita sessuale dei giovani


La pornografia su Internet incide negativamente sulle prestazioni sessuali dei giovani, che accusanodisfunzioni erettili e incapacità di relazionarsi con l'altro sesso. La conferma arriva da una ricerca dell'Università degli studi di Padova, che suggerisce come i problemi erotici dovuti al consumo eccessivo del porno sul Web comincino presto per molti uomini.
Secondo i dati raccolti, il 70% di questi giovani uomini che hanno chiesto aiuto per migliorare le loro "prestazioni" sono utenti abituali dei siti a luci rosse. Il problema è che il consumo eccessivo di pornografia può arrivare a provocare mancanza di desiderio e impotenza, anche senza evidenti problemi di tipo fisico.
Analizzando i dati relativi al consumo di siti porno si è scoperto che "il vizietto" comincia molto precocemente, tra i 15 e i 16 anni, e avviene con cadenza giornaliera anche per 3-4 anni. Questointerrompe la maturazione della sessualità e crea una sorta di assuefazione, portando alla cosiddetta anoressia sessuale.
Considerando che nel nostro paese ci sono circa 27 milioni di internauti e che di questi il 28,9% (circa 7,8 milioni) frequenta siti porno, la situazione potrebbe diventare allarmante. I dati pongono l'Italia al quarto posto in Europa dietro Spagna, Francia e Germania, che con il 34,5 percento di utenti abituali di siti porno conquista il primato del Vecchio Continente.
Chi pensa che le cause siano solo di tipo psicologico dovrà fare i conti con gli studi dei neuroscienziati. Il problema è che il porno sul Web desensibilizza la risposta alla dopamina, un neurotrasmettitore molto importante che influenza il comportamento ed è coinvolto nella gratificazione sessuale. 
La Rete permette di accedere a molteplici stimoli sessuali di diversa intensità, con il risultato che la mente e il corpo cominciano ad assuefarsi e a non provare più lo stesso piacere man mano che si prosegue con questo tipo di "attività ricreativa".
Fortunatamente il problema è reversibile, basta evitare l'esposizione all'eros su Internet. I tempi di recupero possono variare dalle sei alle dodici settimane, e i miglioramenti includono un incremento della libido, la ricomparsa di erezioni spontanee e del desiderio sessuale verso partner reali, in carne e ossa. Fra gli ulteriori benefici riscontrati dai "pazienti" c'è anche un aumento del piacere provocato dal sesso e dalla mancanza di problemi nell'usare i profilattici.

Il porno sul Web rovina la vita sessuale dei giovani 


Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...