Post in evidenza

School sex crimes up by 255 per cent, porn culture to blame

Reports of sex offences in schools continue to rise, according to police figures obtained by a Tes investigation

giovedì 27 ottobre 2011

Il porno rovina la vita sessuale dei giovani


La pornografia su Internet incide negativamente sulle prestazioni sessuali dei giovani, che accusanodisfunzioni erettili e incapacità di relazionarsi con l'altro sesso. La conferma arriva da una ricerca dell'Università degli studi di Padova, che suggerisce come i problemi erotici dovuti al consumo eccessivo del porno sul Web comincino presto per molti uomini.
Secondo i dati raccolti, il 70% di questi giovani uomini che hanno chiesto aiuto per migliorare le loro "prestazioni" sono utenti abituali dei siti a luci rosse. Il problema è che il consumo eccessivo di pornografia può arrivare a provocare mancanza di desiderio e impotenza, anche senza evidenti problemi di tipo fisico.
Analizzando i dati relativi al consumo di siti porno si è scoperto che "il vizietto" comincia molto precocemente, tra i 15 e i 16 anni, e avviene con cadenza giornaliera anche per 3-4 anni. Questointerrompe la maturazione della sessualità e crea una sorta di assuefazione, portando alla cosiddetta anoressia sessuale.
Considerando che nel nostro paese ci sono circa 27 milioni di internauti e che di questi il 28,9% (circa 7,8 milioni) frequenta siti porno, la situazione potrebbe diventare allarmante. I dati pongono l'Italia al quarto posto in Europa dietro Spagna, Francia e Germania, che con il 34,5 percento di utenti abituali di siti porno conquista il primato del Vecchio Continente.
Chi pensa che le cause siano solo di tipo psicologico dovrà fare i conti con gli studi dei neuroscienziati. Il problema è che il porno sul Web desensibilizza la risposta alla dopamina, un neurotrasmettitore molto importante che influenza il comportamento ed è coinvolto nella gratificazione sessuale. 
La Rete permette di accedere a molteplici stimoli sessuali di diversa intensità, con il risultato che la mente e il corpo cominciano ad assuefarsi e a non provare più lo stesso piacere man mano che si prosegue con questo tipo di "attività ricreativa".
Fortunatamente il problema è reversibile, basta evitare l'esposizione all'eros su Internet. I tempi di recupero possono variare dalle sei alle dodici settimane, e i miglioramenti includono un incremento della libido, la ricomparsa di erezioni spontanee e del desiderio sessuale verso partner reali, in carne e ossa. Fra gli ulteriori benefici riscontrati dai "pazienti" c'è anche un aumento del piacere provocato dal sesso e dalla mancanza di problemi nell'usare i profilattici.

Il porno sul Web rovina la vita sessuale dei giovani 


Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...