Post in evidenza

#BreakTheSilence on Rape Culture

Smita Sharma was molested by a professor and then, her cousin committed suicide after facing abuse. Today, this photojournalist traverses...

venerdì 13 maggio 2011

PORNOLOGIA La Porno Cultura del Lato B

scene di semi nudo e fondoschiena che non lasciano nulla all’immaginazione e che soprattutto umiliano e mortificano la figura femminile, trattata sempre come oggetto e quindi mercificata“.


Ogni anno il sito rearoftheyear.com premia il miglior lato B dell'anno maschile e femminile. Secondo i bookmaker, quest'anno la grande favorita è Pippa  - un nome che è tutto un programma pornologico - Middleton.

Il fondoschiena di Pippa (già omaggiato da social networkers pipparoli attivi su Twitter e Facebook, dove è nato il gruppo “Pippa Middleton Ass Appreciation Society"), è quotato a 1.65 dal bookmaker William Hill. La modella e dj  Lauren Pope è quotata a 7. L'attrice Amanda Holden a 9



Dopo il successo del Lato B, Pippa si mostra in reggiseno...


Pippa Middleton in bikini mostra il suo lato b, le foto 8 maggio 2011



Pippa Middleton: con il suo lato b conquista il mondo del porno 09 maggio 2011

PORNOLOGIA, letteralmente il discorso sulla prostituta, più in generale sulla prostituzione, è il discorso al quale concorrono tutti i porno-mass-media - tabloids, giornali, telegiornali, reality shows, talk shows, Internet - con lo scopo ben preciso, secondo il programma porno-imperialista, di renderci assuefatti all'osceno, alla pornografia, alla pornocultura imperante.    



La porno-star Nina Moric, da poco uscita dal porno reality show di RaiDue, L’Isola dei Famosi, dove ha messo in mostra il suo lato B e non solo, ha scatenato una vera e propria polemica per essere andata a prendere il figlioletto Carlos a scuola in baggy pants, indossando senza alcun ritegno degli shorts che si sono rivelati decisamente "calanti". L'aver mostrato il proprio "lato B" proprio davanti a scuola non è decisamente piaciuto ai genitori degli amichetti di Carlos che, atterriti davanti a tale scena, hanno deciso di denunciare l'atteggiamento osceno della Moric al comitato genitori.





La porno cultura del Lato B deflagra e contagia trasvelsamente ogni ambito culturale riducendo ogni discorso a pornologia    


«Macché disegni di legge, qui si parla di culi». 

La frase sarebbe stata rivolta dal deputato Pdl Giancarlo Mazzuca, già direttore del Resto del Carlino e candidato sindaco a Bologna, alla collega Alessandra Mussolini. Pare che Mazzuca, responsabile della comunicazione del Popolo della libertà alla Camera, stia stilando una classifica dei lati B delle parlamentari berlusconiane, e che abbia persino intenzione di pubblicarla suPanorama. Ma ha fatto i conti senza la Mussolini, alla quale ha rivolto la fatidica domanda «Vuoi essere inserita al quinto posto della classifica?». E non si parlava di presenze in Parlamento, né di disegni di legge presentati, ma di avvenenti deretani. Apriti cielo. La bionda deputata, indignata, è corsa da Bonaiuti e Cicchitto e ha minacciato che, se dovesse uscire una sola riga sull'argomento, lei risponderebbe con un articolo sull'Espresso e la sua personale classifica dei «microchip» dei berlusconesIntanto, la Mussolini si starebbe già vendicando: gira in Transatlantico, sollevando la giacca agli onorevoli e facendo commenti sulla qualità del loro posteriore. Lo ha raccontato lei stessa alla collega Pd Paola Concia, con la quale si è sfogata sul maschilismo del partito: «Dimmi tu, Paola, ma in che mondo viviamo?». Raggiunto al telefono da Vanity Fair, l'onorevole Mazzuca si è difeso, dicendo che si tratta solo di un «processo alle intenzioni». Ha affermato anche di aver ricevuto la solidarietà di molte colleghe, sia della maggioranza che dell'opposizione. E alla domanda se la classifica esista davvero, risponde: «Preferisco parlare di altre cose. Comunque, no, non c'è».

Il Lato B della libertà
LE ORIGINI della pornocultura del lato B vanno ricercate nella porno-pubblicità che a partire dagli anni '80, in pieno porno-liberalismo, ha cominciato a spiattellare culi sui cartelloni pubblicitari con la complicità della porno-politica e la porno-giurisprudenza




Il sedere delle donne, (il famoso lato b) può essere affascinante come il davanti ed attrarre gli sguardi maschili come una sorta di calamita biologico-ormonale. Questo concetto è stato ben compreso da Roberta, azienda produttrice di biancheria intima per donna, che ha legato buona parte delle sue fortune al trinomio vestito minimo-gluteo massimo (come valore, non come dimensione)-treccia bionda.



Il prototipo di tale pubblicità vede la luce nel 1984, con il fondoschiena di Rosa Fumetto, ballerina di varietà. ll mix tra mistero (il volto ed il nome dell' attrice erano sconosciuti), erotismo  (e sesso) implicito e design della biancheria fu un successo, e lo stile prese piede, fino ad oggi. Così, al marchio Roberta sono stati associati il volto (che però negli spot non viene mai mostrato) ed il retro di bellissime come Caroline Salvia e Natalia Bush, ognuna con il proprio stile, tutte con un corpo da favola.

Tra tutte, probabilmente, quella che è però rimasta più impressa è Michelle Hunziker, testimonial Roberta 1995. Il suo "numero" consisteva nel perdere lo slip e rimanere in autoreggenti. Molto garbato, molto sexy.

Ma la Hunziker è il passato, il presente si chiama Nina Senicar. Classe 1985, nata a Novi Sad (ex Jugoslavia, ora Serbia settentrionale), Miss Jugoslavia nel 1991, la Senicar si è trasferita da tempo in Italia dove ha lavorato come valletta di Mammuccari in Distraction e si è laureata in Economia alla Bocconi. Per le malelingue, la bella Nina ha sfruttato il soggiorno nello Stivale per due flirt, uno con Eros Ramazzotti, l'altro con Ezio Greggio, ma sono voci non confermate.

A chi gli chiede il segreto della vittoria sulla concorrenza per il ruolo di marketing, la Senicar (176 cm d'altezza, misure 92-63-87) non ha dubbi: la sua passione per l' equitazione. E' Nina stessa a confessarlo, affermando che "È proprio questo il segreto del mio lato b, il salto agli ostacoli è più efficace della palestra, anche se ci vado spesso perché mi aiuta a rilassarmi e sentirmi bene... ma l´equitazione è perfetta per mantenere i muscoli tonici e ben delineati perché in continua tensione..."

Roberta ed il lato b: dopo Michel Hunziker, ecco Nina Senicar 

Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...