Post in evidenza

Supreme Court of India Orders To Block Rape Videos

In a very welcome move, the Supreme Court of India is acting against the publication and dissemination of rape videos

giovedì 21 aprile 2011

PORNO IMPERO Un miliardo di cattivi pensieri

Molto si può capire da quello che cerchiamo su Internet: lo pensa una ricerca pubblicata di recente, e che si concentra sui nostri gusti sessuali. A Billion Wicked Thoughts – tradotto: “Un miliardo di cattivi pensieri”, e il titolo calza, è il libro che Jezebel ha letto in anteprima, e che appunto si occupa di capirci qualcosa in più su ciò che le persone su Internet hanno a cuore in termini di sesso e sessualità.

GUSTI SESSUALI – Tutto dipende da cosa si cerca, e da quello si risale a, per esempio, chi cerca. Ovvero, chi è alla tastiera: e si scopre che – prevedibilmente, ma forse non se ne immaginavano le percentuali – non sono tutti uomini. Tuttavia, se pure è vero che le donne sono fruitrici di questi contenuti, di rado sono disposte a pagare.
I siti più popolari che offrono video per adulti, attraggono tipicamente un pubblico che circa al 75% è composto da uomini. Il che significa, ovviamente, che uno di quattro è una donna – una minoranza, certo, ma una minoranza significativa. Ma quando si tratta di pagare per la pornografia, il gap di genere si allarga in maniera abissale. Secondo CCBill, il più usato servizio di pagamento quando si tratta di siti per adulti, solo il 2% delle sottoscrizioni proviene da carte di credito con nomi di donne.
E quindi, porno sì, ma gratuito. Altro dato che forse non sconvolgerà è che, sebbene moltissimi sono alla ricerca di giovani bellezze, la donna matura ha comunque il suo posto all’interno delle ricerche.
Anche se la popolarità delle donne adulte non raggiunge le stratosferiche altezze delle adolescenti, è giusto osservare che sempre più uomini sono alla ricerca di cinquantenni rispetto alle diciannovenni.
Non solo: sempre più persone sono alla ricerca, addirittura, di video porno su donne ancora più anziane. Come anche è vero che le ricerche per donne un po’ più in carne superano di gran lunga quelle per le donne pelle e ossa. Ciò che forse potrebbe stupire, è che la lunghezza del genitale maschile è un dato importante anche per il pubblico, appunto, non femminile: i siti di porno etero che trattano attori ben dotati sono tanti e molto alti in classifica, quelli che trattano attori poco dotati sono invece pochi e davvero molto in basso: e, vista la frequenza del pubblico femminile sui siti porno – già affrontata – non è possibile che tutto questo dipenda solo dalle donne. 

Dimmi che porno cerchi su Google e ti dirò chi sei 21 aprile 2011



Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...