Post in evidenza

Raped by the System: the Wadakancherry Rape Case

The prime accused in the case is a corporation councillor belonging to the CPM that is ruling the state

lunedì 18 aprile 2011

Online il primo sito .xxx

Il primo dominio .xxx è ora raggiungibile online. Intorno alla mezzanotte di venerdì è stato, infatti, sbloccato l'accesso a quello che è a tutti gli effetti il primo sito Internet con le tre lettere più "calde" del Web, dopo 11 anni dalla prima proposta di usare questo tipo di dominio.
Al momento si possono visitare siti come porn.xxx sex.xxx che, per ora, non offrono nessun contenuto erotico. Soltanto un'immagine che invita ad essere adulti riguardo alla questione e i collegamenti alle pagine di ICM Registry, il gruppo incaricato di gestire questi domini.
Il riferimento è alle polemiche passate sui risvolti morali e sulle difficoltà per ottenere i permessi dall'ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers).
Fra i timori del gruppo il fatto che il dominio .xxx possa essere bloccato dai governi più conservatori, come nel caso di India e Arabia Saudita, che hanno esplicitamente ammesso d'impedirne l'accesso alle connessioni provenienti dall'interno del territorio nazionale.
Anche Free Speech Coalition, un gruppo californiano di aziende del settore a luci rosse, ha protestato contro l'avvento di questo dominio e sta radunando le forze per un boicottaggio di massa. La protesta è in parte per la paura di una facile censura, per la probabile perdita di ricavi a causa di filtri più efficaci e per i prezzi troppo elevati di mantenimento dei siti Web, circa 70 dollari all'anno contro i 10 dei domini .com (Il Porno trova casa online, è il dominio .xxx).
Nonostante tutto, ICM dichiara di aver già ricevuto circa 600mila prenotazioni, un giro d'affari potenziale pari a 30 milioni di dollari soltanto per il primo anno. L'ICANN tratterrà una quota di 2 dollari per ogni dominio venduto.
I ricavi andranno a rimpinguare le casse di ICM e del suo principale fondatore, nonché attuale presidente, che nel corso degli anni ha sborsato circa 20 milioni di dollari (la maggior parte in spese legali) per spingere il mondo del porno online verso l'attuazione di questi domini.

Online il primo sito .xxx, senza sosta le polemiche  Aprile 18, 2011



Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...